Rösti di patate e porri con salmone affumicato

Rösti di patate e porri con salmone affumicato
 

Consiglia questa ricetta

 

Ingredienti

per porzioni
1.2 kg di patate resistenti alla cottura
300 g di porri
4 cucchiai d'olio di colza HOLL (resistente alle alte temperature)
sale
1 cucchiaino di burro
200 g di salmone affumicato
  1. 1.
     
    Il giorno prima: cuocete le patate con la buccia al vapore per ca. 40 minuti. Fatele raffreddare e mettetele in frigo fino al momento dell’uso.
     
  2. 2.
     
    Il giorno dopo: mettete da parte un po’ di porro e tagliate il resto a rondelle di 5 mm. Pelate le patate e grattugiatele con la grattugia per rösti. Incorporate i porri alla patate. Scaldate l’olio in una padella antiaderente. Aggiungete le patate con i porri, condite con il sale e mescolate con
    cura. Con un mestolo di legno compattate gli ingredienti in modo da formare un tortino. Fatelo rosolare a fuoco medio per 10-15 minuti. Girate il rösti facendolo saltare oppure con l’ausilio di un piatto piano. Distribuite il burro sul tortino e terminate la cottura per altri 10-15 minuti.
    Tagliate il porro rimasto a rondelle fini. Accomodate il salmone in un piatto, cospargetelo di porri e servite con il rösti.
     

Valori nutritivi

1 porzione contiene

Calorie:410 kcal   Proteine:19 g
Grassi:15 g   Carboidrati:47 g

Commenti (0)

Per inserire un commento si deve essere registrati. Registrati gratuitamente oggi stesso e usufruisci delle funzioni della nostra Community!

Informazioni supplementari

  • Aggiunta il 21.02.2012
  • Questa ricetta è stata vista 26434 volte
  • Pubblicata nell'edizione GreenGourmet online 03/12

Commenti (0)

Aggiungi commento »
Labels

Social Bookmarks

|

Suggerimenti per questa ricetta

  • Come risparmiare energia: Cuocete le patate nella pentola a pressione per ca. 12 minuti.

  • Quando acquisti pesce selvatico, fai attenzione al marchio MSC, sinonimo di pesca certificata e sostenibile, che permette alle specie di rigenerarsi. Le aziende di pesca sono inoltre sottoposte a regolari controlli. Altri consigli del WWF li trovate qui.

Ricette correlate